II C

Il Valzer della Montagna

L’anima della montagna è viva in questo dolce, nei piccoli e preziosi suoi frutti colorati… e rivive anche nella nostra memoria di “figli del mare”, dell’azzurro mare del Sud… noi, che il bosco non l’abbiamo vissuto, ne abbiamo però assaporato il gusto dolce e aspro che ha reso unica la nostra infanzia… e che fa da protagonista in questo dolce.

18787980_10211269171098009_1861347335_n

Come in un valzer i ballerini toccano i quattro angoli della pista coinvolgendo lo spazio, così la nostra creazione culinaria abbraccia le quattro stagioni che colorano la montagna: la castagna d’autunno, i soffici fiocchi di crema chantilly come neve d’inverno, le tinte vivaci dei frutti di bosco in primavera, il gusto fresco e avvolgente come l’estate di montagna.

Il nostro dolce si appoggia su tenere briciole di pan di spagna e cacao che richiama la bruna terra dei monti, mentre il verde intenso degli alberi rivive nei festosi ciuffi del profumato rosmarino.

Difficoltà: media Preparazione: 2 ore (+ 1 ora di riposo in frigorifero per far raffreddare il dessert già impiattato) Dosi per: 14 monoporzioni    

Ingredienti per il Pan di Spagna: uova 6, zucchero 150 g, farina di castagna 130 g, cacao 20 g, vanillina 1 bustina.

Ingredienti per la crema: uova 2, zucchero 150 g, fecola 50 g, vanillina 2 bustine, latte 500 g, panna senza zucchero 500 g.

Ingredienti per la salsa ai frutti di bosco: frutti di bosco 500 g, crema alla nocciola (tipo nutella), cacao, mora 1, briciole di pan di Spagna, rosmarino.

Preparazione 

Per il pan di Spagna: montate per bene le uova con lo zucchero, aggiungete a pioggia la farina precedentemente mescolata al cacao con le dita aperte dal basso verso l’alto. Versate l’impasto negli stampini per muffin e cuocete a 180° per circa 20 minuti.

Preparate la salsa ai frutti di bosco con l’aiuto di un mortaio (oppure con un frullatore), pressate i frutti di bosco con lo zucchero e gli aghi di rosmarino fresco.

Una volta preparata la crema pasticcera e dopo averla fatta raffreddare, aggiungete la panna montata un po’ per volta in modo tale da ottenere la crema chantilly.

Prendete una parte di crema chantilly e unite ad essa un po’ di salsa ai frutti di bosco. Mescolate poi il tutto per ottenere una crema ai frutti di bosco.

Tagliate il pan di Spagna in tre dischi.

Cospargete il primo stato con la crema bianca e aggiungete un cucchiaio di salsa ai frutti di bosco al centro del disco. Farcite il secondo strato con la crema ai frutti di bosco e con un cucchiaio di salsa al centro .

Decorate l’ultimo disco del pan di Spagna con due spirali di crema: la prima con la crema ai frutti di bosco e la seconda con la chantilly.

Aggiungete al centro del dessert un po’ di salsa ai frutti di bosco, una mora e dei ciuffetti di rosmarino sui lati .

Decorate il piatto di portata con crema alla nocciola e con crema chantilly bianca. Formate dei cerchi e adagiatevi sopra dei frutti di bosco, delle briciole di pan di Spagna e del cacao.

… La frizzante estate e i colori del sottobosco

si sposano in un dolce dal sentore di montagna,

con crema chantilly e farina di castagna,

che dorme tra nubi di ovattata vaniglia

su un soffice cuscino di pan di spagna.

Si sprigiona il sentore di umida terra,

circondata da frutti viola e rossi

che nel bosco si intravedono nascosti

tra piccoli rametti brillanti di rugiada.

Per ultima si appoggia una carezza,

dal lieve soffio di polvere di cacao:

tocco finale di mani semiesperte,

ma ad imparare solerti e sempre attente

sotto la guida vigile e vicina

di un vero professionista di cucina!

Ricordi…

“Mi ricordo, da ragazzino, che una voce a un tratto esplodeva e rimbombava tra i vicoli stretti della Sanità, un richiamo goloso per noi piccoli bambini: ‘More e cevs’! More e cevs’!

Io, con le poche monetine del nonno strette in mano, correvo giù nell’androne del mio palazzo per comprare il succoso tesoro: piccole gemme lustre, viola e perlacee, che si facevano mangiare con gli occhi. Dal cestino il venditore le prendeva e me le porgeva in una calda foglia di fico. Che gioia! Che sapore!

Subito dopo la squisita scorpacciata, con le mani ancora tinte di rosso, risalivo in casa e cominciavo a rincorrere esultante la nonna intenta nelle faccende per macchiarle il viso di felicità!”

“Quann’ er’ piccirill’,

insieme ai compagni miei,

p’ fuii dalle voci ‘re mamm’ nostr’,

scennevam’ int’ o’ ciumm ro’ Vesuvio

addov’ ce steven cespugl’

‘cche more nere e more bianche, color latt’.

C’ rimanev’ a lungo e accusì ne raccugliev’ assaje

per rivennerl’ a ‘o vecchiariell’

che ‘a dumenica mattina le rivenneva alle mamme ‘re criature…

Ma chell che m’ha rimast’ rint ‘a memoria

è che mamma mia nun capeva

pecché ‘o vecchieriell m’ regalav’ ‘e more e nun vulev’ denar’!

E con aria minaccios’

m’addumannav’: “Chelle fatt’ o vecchiariell’ p’ nun ‘m fa pavà ‘e more?”

…ma c’ bastav’ veré tutte ‘e man’ e bracc’ mie

graffiate dai rovi ‘re more

pe’ capì o’ misfatt’!

Aropp’ tant’ anni

‘o destin’ ha volut’ ca ‘o vecchiariell’ turnass’

rint ‘a vita mia pe’ nu mument…

nu mument’ trist’:

rint ‘o spital’, guardannm’ attorn’

lo rividi:

chill’attim’ e’ sfuggit

che m’ha fatt’ incrocià o’ viso suo

ha ripurtat’ ‘o surris’ ra bambin’

‘rint agli occh’ miei.”

Valore nutritivo e potere antiossidante dei frutti di bosco

Il dessert che abbiamo preparato si ispira al tema della montagna e per questo abbiamo pensato di usare due ingredienti che ci richiamano subito alla mente quei luoghi: la farina di castagne e i frutti di bosco. Abbiamo studiato che i frutti di bosco fanno bene alla salute e ci aiutano a prevenire alcune malattie grazie al loro elevato contenuto di sostanze antiossidanti. I frutti di bosco rientrano tra gli alimenti di colore rosso- blu- viola e contengono: antocianine, polifenoli, carotenoidi, vitamina C e Sali minerali. La presenza di queste sostanze fa sì che questi frutti aiutino a prevenire problemi cardiovascolari, le infezioni, l’ipercolesterolemia, l’invecchiamento cellulare e alcuni tipi di tumore. Infatti il dipartimento del Ministero dell’Agricoltura americano ha elaborato l’Indice ORAC (Oxigen Radical Absorbance Capacity), ovvero un indice che misura la capacità di un certo alimento di combattere i radicali liberi. Il livello giornaliero consigliato attualmente è di circa 4500-5000 ORAC. I frutti di bosco hanno un Indice ORAC compreso tra 2600 e 1500 ogni 100g di prodotto.

Les Montagnes françaises 

Pour ne pas oublier les chaines de montagnes de France, nous vous proposons cette petite phrase :

L’alpiniste vosgien jura de ne plus gravir le massif central sans son ami pyrénéen !

 Les chaines de montagnes de la France (que vous pouvez voir dans la photo proposée dans la galerie des images) sont : les Alpes, les Vosges, le Jura, le Massif central et les Pyrénées.

Les Alpes divisent la France de la Suisse et de l’Italie ;

Le Jura divise la France de la Suisse ;

Le Massif central se situe au centre sud-est de la France (le nom indique déjà sa position géographique) ;

Les Pyrénées divisent la France de l’Espagne ;

Les Vosges divisent la France de l’Allemagne.

carte_montagnes_france_géographie_physique_géologie

Carte des principaux massifs montagneux de France : les Alpes, les Vosges, le Jura, le Massif central et les Pyrénées (et ancien Massif Armoricain).

https://jeretiens.net/les-chaines-de-montagnes-de-france/